Definire una pista ciclabile un’opera inutile – ha detto Michele Avola, portavoce della Lista Civica Vivere Bellinzago –  è quanto di peggio si possa dire oggi in un momento in cui tutte le Istituzioni lombarde (da destra a sinistra) guardano ad opere strutturali che possano davvero rallentare l’inquinamento atmosferico attraverso la mobilità cosiddetta dolce.

Questa ciclabile non è il desiderio di un singolo, del Sindaco o della nostra Lista Civica; è un’opera che hanno chiesto i nostri concittadini ed è un progetto che avevamo inserito nel programma elettorale del 2013, sulla scorta di indicazioni già elaborate in un piano complessivo di viabilità dolce indicato dalla ex Provincia di Milano e da Regione Lombardia. In questi anni il progetto è stato ampiamente condiviso in Consiglio Comunale anche con la minoranza ed è stato discusso ed approfondito con i tecnici che hanno redatto il progetto oltre che con gli enti sovraordinati (altrimenti né Regione né Città Metropolitana lo avrebbero approvato).

GLI ATTRAVERSAMENTI CICLOPEDONALI: FACCIAMO CHIAREZZA

Le obiezioni di oggi, pur legittime, appaiono un tantino propagandistiche, specie sugli attraversamenti ciclopedonali sui quali è giusto precisare: il fatto che il muro del cimitero sia sulla Strada Provinciale SP137 ha obbligato i tecnici a realizzare il progetto della ciclabile a ovest della Provinciale proprio perché lo spostamento della Strada sarebbe risultato inimmaginabile per le difficoltà e i costi. Ed è positivo perché grazie a questo tratto di ciclabile sarà possibile raggiungere tutte le strade campestri che attraversano le nostre cascine e con i futuri progetti di integrazione ambientale si potrà arrivare in sicurezza fino a Melzo. L’attraversamento della ciclabile per chi partirà da Bellinzago e andrà verso Pozzuolo di fatto sarà soltanto uno, si troverà poco prima della curva che porta alla Cacina Misericordia; sarà un passaggio realizzato in completa sicurezza, con strisce fluorescenti, cartelli di segnalazione e un’illuminazione adeguata.

L’altro attraversamento sarà realizzato, anch’esso in totale sicurezza, all’altezza della via San Giorgio verso il cimitero ma risponde ad altre importanti esigenze; prima di tutto ad una richiesta dei cittadini di Bellinzago Lombardo, che noi abbiamo raccolto e portato all’attenzione della Giunta, per rendere sicuro l’attraversamento per il cimitero che oggi viene pericolosamente percorso in assenza di segnali e strisce pedonali, secondariamente collegherà la nostra pista ad Inzago e alla rete ciclabile sul Naviglio.

L’INVESTIMENTO: 500 MILA EURO DA AVANZO DI BILANCIO

Su quanto sarà investito e da dove provengono le risorse è un punto che il nostro Sindaco Angela Comelli ha spiegato in più occasioni. Si tratta di avanzi di bilancio congelati dal patto di stabilità (poi divenuto pareggio di bilancio), ma che non potevano essere in alcun modo utilizzati se non per la realizzazione di un’opera con specifiche caratteristiche (solo per investimenti e NON per spese correnti); esattamente come quelle della ciclabile.

ALLARGAMENTO PROVINCIALE: CONTINUA IL PRESSING SU CITTA’ METROPOLITANA E REGIONE LOMBARDIA

Circa l’allargamento della carreggiata, soprattutto nei tratti sul territorio di Pozzuolo Martesana, siamo evidentemente tutti d’accordo sul fatto che sia necessario un intervento da parte di Città Metropolitana. È una provinciale ed è quindi loro la competenza. Ma come credo non sia sfuggito a nessuno, Città Metropolitana versa in condizioni di Bilancio non ottimali. In buona sostanza mancano fondi e per realizzare opere di questa portata sarà necessario qualche sforzo in più da parte loro. Motivo per cui l’Amministrazione Comunale continuerà ad interagire ed interloquire sia con Città Metropolitana, forti del fatto che con Pozzuolo Martesana siamo Unione, sia con le istituzioni più alte come Regione Lombardia affinché si trovi una soluzione ottimale.